Home > Tancredi slot machine

Tancredi slot machine

Tancredi slot machine

Sono i numeri dell'attività, su tutto il territorio nazionale, di Videolottery e gioco on-line illeciti scoperta e sgominata dallo Scico della Guardia di Finanza e dalla Polizia di Stato. Complessivamente 13 le ordinanze emesse dal gip di Roma su richiesta del pool di magistrati coordinato da Michele Prestipino. Undici già eseguite e due, relative a soggetti che vivono all'estero, ancora da notificare.

L'accusa per tutti è di associazione per delinquere a carattere transnazionale finalizzata al gioco d'azzardo e, a seconda delle posizioni, intestazione fittizia di beni ed estorsione. Una rete di videogiochi parallela che faceva guadagnare tutti, anche i giocatori perchè consentiva vincite illimitate e prove della tassazione come invece imposta a quelle delle giocate lecite. Per accedere alla piattaforma erano necessari nickname e password. Le indagini hanno preso spunto dal tentato omicidio del titolare di un esercizio in cui erano presenti videopoker. Immagine non superiore a 5Mb Formati permessi: Bruciata dall'ex marito a Reggio, i medici: Residenza in provincia di Vibo per avere l'assegno sociale ma viveva A Soverato il bilancio polstrada sulla "strada maledetta": Sanità in Calabria, il commissario Cotticelli: Ospedale di Serra San Bruno, dopo il blitz dei Nas scattano le denunce.

Aumenta l'export del "made in Reggio": Acqua inquinata a Cosenza, interrogazione al ministro all'Ambiente. La Cittadella della giustizia di Catanzaro prende forma. Consolidamento della condotta idrica a Catanzaro, a breve i lavori Cassano, smascherati dal Comune 10 grandi evasori. La Corte dei Conti indaga sulla gestione delle somme per l'alluvione Incarichi pubblici in cambio di favori a Cariati, sindaco e dirigenti Due pentiti: I numeri del maxi business A spiegare questa virata delle mafie sul mondo delle scommesse ci sono i numeri.

La raccolta di gioco, ossia quello che i giocatori spendono in tutte le tipologie di gaming disponibili slot machine, lotto, bingo, scommesse, ippica, etc è passato dai 96 miliardi di euro del ai miliardi del Le mafie hanno capito in anticipo il business e dal anno in cui le slot vengono regolarizzate vi si sono fiondate a capofitto. Lo hanno fatto utilizzando diversi canali: Aggiornandosi di pari passo alla normativa sempre più stringente , che spiegheremo in questa videoinchiesta in tre puntate. Chi le produce, come funzionano, in che modo le organizzazioni criminali ci hanno messo mano, come sia possibile alterare le vincite.

Rosa Amato, ex capoclan degli Amato e oggi collaboratrice di giustizia ci spiega come e grazie a chi riusciva a imporre sul territorio casertano le slot machine clonate: Una quota che in passato le mafie riuscivano ad abbassare trattenendo per sé la differenza, ndr - spiega Roberto Mazzuccato, co-fondatore della MAG Elettronica, uno dei principali produttori di slot machine in Italia con sedi anche in Sud Africa -.

La sua storia si incrocia con quella di Rocco Femia. Con lui stipula un contratto di fornitura di software da due milioni di euro. La Sace, la società che produceva le schede di gioco per conto del boss oggi è stata acquisita da un colosso austriaco come Novomatic. Lei ha informazioni su dove siano finiti i soldi di quella acquisizione milionaria? A Roma gestiva tutto il mercato delle scommesse insieme ai fratelli Sergio e Sandro Guarnera. Erano dei semplici installatori di schede di gioco che poi si sono trasformati nei principali soci in affari sia della camorra casertana che della mafia di Ostia, dei Falciani prima e degli Spada poi.

Anche qui lo schema si ripete: La famiglia della moglie Raffaella De Santis produce e distribuisce apparecchi elettronici da intrattenimento , un gruppo criminale capace di imporre quel tipo di macchina da gioco e infine il controllo delle vincite, una garanzia di riciclaggio del denaro sporco. Ogni volta che il vincitore di una grossa somma si reca al banco per riscuotere, il mafioso ha la possibilità di comprargli il ticket vincente, magari anche pagando un surplus.

Il business del poker da 11,5 milioni al giorno - Corriere TV

POTENZA - I finanzieri dello Scico, in coordinamento operativo con i colleghi del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche hanno eseguito ieri. videopoker, delle scommesse online e delle slot machine elettroniche. I capi “ storici” di questa associazione sono Luigi e Antonio Tancredi. Ma Pace, già dopo la storia del figlio sulle slot machine, si rivela una “fonte” involontaria preziosissima per gli inquirenti. Il 5 marzo del L'hanno definito “Il re delle slot”. Era lui, il potentino Luigi Tancredi, a capo dell' organizzazione della rete del poker on line illegale che avrebbe. slot machines e del gioco d'azzardo online. Un “doppio livello” gestito dal principale indagato, odierno imputato, Luigi Tancredi, che grazie a. Tancredi è il re dei casinò online: è titolare di alcune società che noleggiano le video slot e proprietario del famoso sito accedere-a.vanessadumplinghouse.com, uno dei più. Mafia slot machine e scommesse: così la criminalità controlla il gico che lo accusa, Gino Tancredi meglio noto come «il Re del poker».

Toplists